Meleto


Su una superficie di 1,1604 ha si coltivano 3 filari di Golden delicious, 2 filari di Granny Smith, 6 filari di Fuji e 2 filari di mele antiche.

L’anno scolastico inizia festoso a settembre ed ottobre con la raccolta delle mele da parte degli studenti delle classi del triennio dell’Istituto Agrario, e prosegue con la potatura secca da dicembre a marzo, tecnica che vede il coinvolgimento delle sole classi quarte e quinte durante le esercitazioni e dagli stagisti in Alternanza Scuola Lavoro, con la supervisione dei tecnici aziendali.

Tutte le altre operazioni, concimazione, trattamenti, diradamento, gestione del prato e dell’irrigazione viene eseguita dai tecnici aziendali.

Questo meleto ha più di 20 anni, ad eccezione del filare di mele antiche ed è sprovvisto di reti antigrandine. Le vecchie varietà coltivate non sono adatte al metodo biologico perchè non sono resistenti alla ticchiolatura ed i sei filari di Fuji ormai da anni evidenziano problemi di alternanza di produzione.

Pertanto il prodotto che otteniamo viene quasi tutto trasformato in succo.

nel 2019 dovrebbe entrare in produzione il nuovo meleto, realizzato nella primavera del 2017 con il contributo regionale. Si estende su 1,2998 ha (al netto delle tare sono 0,9751 ha) ed è costituito da 12 filari: 4 di Renè civren, 4 di Fujion e 4 di Gold rush.

Le cultivar scelte sono tra loro autoimpollinanti e resistenti alla ticchiolatura, sono adatte ad essere coltivate con metodo biologico e ricordano per caratteristiche organolettiche e epoca di maturazione, le varietà presenti nel meleto vecchio.

Il meleto è dotato di reti antinsetto e antigrandine, nonché di un moderno impianto di irrigazione sottochioma.

Si sta valutando di estirpare un ettaro del vecchio meleto, circa quello occupato da 6 filari di varietà fuji.